venerdì 30 giugno 2017

Il Popolo Dell'autunno - Ray Bradbury

La prima cosa che posso dire nei riguardi di quest'opera di Ray Bradbury è una breve frase smielata che potreste leggere nel profilo facebook di un ragazzino/a svampito/a e sdolcinato/a quindi vi avverto:
Io sapevo che avrei amato questo romanzo ancor prima di leggerlo.
Sapevo che era il romanzo scritto per uno come me.
Ed è stato così allora, ed è così anche adesso.
Scopersi questo romanzo durante la lettura di quel saggio capolavoro che è Danse Macabre di Stephen King.
Lo so, lo cito spesso questo saggio.
Ma è grazie a questo libro che ho conosciuto gran parte degli autori di narrativa horror e non.
King inserì quest'opera tra le migliori opere letterarie del fantastico uscite tra il 1950 ed il 1980 e dopo aver letto quella decina di pagine dedicate ad Il Popolo Dell'autunno ero già cotto perso.

Pubblicato originariamente nel 1962 questo romanzo ha visto la luce in Italia solo nel 1978 ed Il Popolo Dell'autunno non è nemmeno il suo vero nome.
Il titolo in realtà è Something Wicked This Was Comes ovvero Qualcosa Di Sinistro Sta Per Accadere, titolo che poi è stato usato nella riduzione cinematografica della Disney del 1983 che comunque mi pare non abbia fatto chissà quali proseliti.
Insomma il titolo originale qui in Italia è arrivato soltanto per il film al cinema mentre per ciò che concerne il romanzo è sempre stato ristampato con il nome che si sono inventati loro.
C'è da dire che comunque per quanto inventato è pertinente visto che è tratto da uno dei passaggi più belli del romanzo.
Insomma siamo dalle parti di The Stand di Stephen King da noi ribattezzato per imperitura memoria L'ombra Dello Scorpione. :-P
Ma di che parla questo romanzo?
Credo non ci sia nemmeno bisogno di una sinossi in questo caso:
Il Popolo dell'autunno parla dell'arrivo improvviso in una notte autunnale di un luna park stregato dal mefistofelico ed accattivante nome di Cooger & Dark's Pandemonium Shadow Show nella città feticcio di Ray Bradbury protagonista di molte delle sue storie ossia Green Town, Illinois.
Protagonisti di questa storia sono due quasi quattordicenni di nome Will Halloway e Jim Nightshade.
In una lettera che Bradbury scrisse a Stephen King durante l'elaborazione del saggio Danse Macabre di Steve, Bradbury spiegò che i due ragazzi altro non sono che due rappresentazioni diverse di se stesso ovvero il suo lato apollineo rappresentato da Will e quello dionisiaco rappresentato da Jim Nightshade.
Due ragazzini diversissimi per ciò che concerne carattere e aspetto fisico, ma amici per la pelle ( abitano a pochi metri di distanza uno dall'altro).
Entrambi vengono irresistibilmente attratti dal luna park, ma Jim di più perché la sua è un'anima più tormentata e nichilista.
Altro protagonista indiscusso del romanzo è il padre di Will, Charles Halloway.
Charles sempre stando a Ray nelle sue lettere inviate a King è un personaggio autobiografico ispirato alla figura di suo padre.
Diciamolo subito: Charles Halloway è il personaggio più bello del libro, ma allo stesso tempo talmente improbabile ed in alcuni casi così eccessivamente buono e perfetto, che la tentazione di lanciare il romanzo contro il muro è molta.
E ne Il Popolo Dell'autunno è pieno di momenti così.
E' un romanzo che è molto invecchiato ed è pregno di quel buonismo americano che abbiamo imparato a conoscere ed apprezzare in molte commedie e telefilm, ma in qualche caso anche a detestare.
Tutta la parte relativa al luna park, i suoi personaggi e le sue attrazioni è molto ben raccontata e congegnata anche se per quel che mi riguarda forse manca un pizzico di dinamismo.
Ma perché questo romanzo ha fatto così breccia in me?
Perché io credo di essere un po' come Jim e Will.
E se da piccoli amavate i luna park, lo siete anche voi.
Perché mi sono messo nei loro panni fin dall'inizio ed anche in quelli di tutti quegli adulti malati di nostalgia che fanno parte di questo romanzo e che vengono facilmente soggiogati dal Signor Dark ed i suoi freak.
Questo libro parla a tutti coloro che aspettavano un anno intero l'arrivo della festa mariana con relative giostre e bancarelle.
Quegli odori così riconoscibili che appena li senti ti senti riproiettato in quegli istanti, quei momenti.
Parla a tutti gli adulti e alla loro giovinezza perduta a cui un posto del genere non appartiene più, se non per accompagnare la generazione successiva.
Torniamo insomma al fanciullo di pascoliana memoria in cui Bradbury si rifugia spesso.
Il Popolo Dell'autunno non è un romanzo perfetto e molte delle scene sono per lo più indirette e latenti.
Alcune parti sono poco credibili ed assurde anche per un romanzo fantastico, ma se letto nella giusta ottica e se come me amate/amavate giostre e luna park, è il romanzo che fa per voi.
Il libro è purtroppo fuori catalogo, ma su Ebay e circuiti dell'usato circola molto spesso e si trova anche a buon prezzo.
La più facile da trovare è l'edizione della Fabbri che è anche quella in mio possesso.
Se vi capita dategli una possibilità.

Alla Prossima!





16 commenti:

  1. Alla grande Raffaele. Ammetto che mi sono fermato alle prime frasi del post perché come sai è un libro in lista di attesa e avevo paura di trovare spoiler.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Puoi leggerlo tranquillamente perché della trama ho accennato in minima parte.
      Come sempre ti ringrazio del passaggio e del commento. :-)

      Elimina
  2. Seguirò il tuo consiglio, Ray Bradbury mi piace molto e mi mancano un sacco di suoi libri. Cheers!

    RispondiElimina
  3. Romanzo molto molto interessante.

    Hai un premio da ritirare dalle mie parti.!

    RispondiElimina
  4. E come si può non dare una possibilità di leggere questo romanzo anche se non sono mai stata molto attratta dai luna park, ma queste figure così ben descritte mi attraggono moltissimo e lo cercherò senza ombra di dubbio.
    Grazie come sempre Pirkaf caro per i tuoi preziosi consigli
    Buon w/e e un bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei sempre gentilissima Nella. :-)

      Elimina
  5. Io ho fatto lo stesso di Massimiliano. Ho il libro in coda di lettura (questa volta nella bella edizione BUR fantascienza del 1978) e mi sono astenuto dal leggere la trama.
    Sai comunque da dove credo provenga in realtà il titolo italiano? Dalla raccolta di fumetti tratti dai racconti di Bradbury pubblicata in America con il titolo The Autumn People e stampata in Italia in un Oscar fumetto della Mondadori dal titolo Il popolo dell'autunno domani a mezzanotte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non conoscevo questa raccolta.
      Io le uniche che conosco e che ho sono Paese D'ottobre e Omicidi D'annata.
      Grazie del commento!

      Elimina
  6. C'è una mia amica che sono anni che mi consiglia di leggerlo, perché sa che apprezzo molto Bradbury. In effetti però sono i racconti brevi che mi piacciono di lui. A parte Fahrenheit 451 non ho letto nessuno dei suoi romanzi. Se non avessi una coda di lettura e rilettura che sembra non finire più, gli darei una possibilità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I suoi racconti nemmeno scherzano: I Siamesi e Il Piccolo Assassino sono due perle della narrativa horror nonostante la sua brevità.
      La tua amica ha la mia stima. :-)

      Elimina
  7. Recensione perfetta, caro Pirkaf: perfetta e obiettiva (ammetto di avere un po' sofferto quando hai enumerato le critiche al libro... ma diamine: sono tutte giuste).
    Al contrario di te, per me il fascino maggiore iniziale è derivato dal fatto che io, invece, odio i luna park, anzi più che odiarli li temo moltissimo e sin dalla più tenera età mi danno un senso profondissimo, per quanto impalpabile, di angoscia e di... imminente apocalisse! :)
    Siamo strani, eh? :D
    Ancora complimenti Pirkaf, e a presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei sempre gentilissimo Orlando. :-)
      Riguardo ai Luna Park, io ne ero attratto e fantastico come tutti di salire sulle giostre più pericolose, ma poi mi scontravo anch'io con la realtà e con la paura, che ho superato anno dopo anno come una piccola conquista.
      Quindi in un certo qual senso li temevo anch'io. :-)
      A presto!

      Elimina
  8. Sul mio blog c'è un premio per te!

    RispondiElimina